La Fibromialgia

di Graziella Pisano

La fibromialgia è caratterizzata da intenso dolore muscolo-scheletrico diffuso a tutto il corpo, disturbi cronici del sonno, affaticamento e difficoltà di concentrazione. Spesso è associata ad ansia o depressione e il suo andamento è influenzato dal livello di stress a cui la persona è sottoposta. Le cause scatenanti non sono chiare, ma si ipotizza l’influenza di eventi traumatici di tipo fisico e psichico nella sua insorgenza. La fibromialgia è una malattia che può incidere pesantemente sul lavoro, sulle relazioni e sulla percezione delle proprie capacità di fronteggiare le difficoltà quotidiane. 

Quali sono i trattamenti indicati per questo problema che invade sia la sfera fisica che quelle psichica e sociale dell’individuo?

Gli interventi terapeutici previsti sono ascrivibili a tre tipologie di trattamento:

-Cura della salute fisica, tramite la rieducazione del paziente in direzione di uno stile di vita salutare.

-Trattamento farmacologico.

-Intervento psicoterapeutico cognitivo-comportamentale. A tal proposito Paul Grossman ha verificato, su un campione di 58 donne affette da fibromialgia, l’effetto di un programma di riduzione dello stress basato sulla mindfulness della durata di otto settimane. Le donne sottoposte a tale trattamento hanno mostrato un significativo miglioramento della sintomatologia e della qualità di vita rispetto al gruppo di controllo. L’aspetto ancora più interessante è che tale effetto si è mantenuto anche a distanza di tre anni, mostrando, dunque, un esito positivo a lungo termine di questo tipo di intervento.

Bibliografia essenziale:

Grossman P. Tiefenthaler-Gilmer U. Raysz A. Kesper U. Mindfulness Training as an Intervention for Fibromyalgia: Evidence of Postintervention and 3-Year Follow-Up Benefits in Well-Being Psychother 232 Psychosom 2007;76:226–233. 

http://www.amrer.it/download_documenti/linee-indirizzo-fibromialgia-2018-1.pdf